The Italian subjunctive, together with prepositions, in the Italian grammar is what students fear the most.
Since in many languages this form doesn’t exist, it’ s hard to remember when to use it. So besides studying all the conjugations, it’s really important to remember what kind of verbs and words demand the subjuctive.
Let’s see now in which cases Italian subjunctive is always used:

1. after the following conjuctions: benché, sebbene, quantunque; purché, a condizione che, a patto che; a meno che; qualora, per il caso che; prima che; senza che; che (= che io sappia)

2. After the following impersonal phrases: è bene / è meglio che; bisogna che; conviene che; è facile / è difficile che; è necessario che; è probabile / è improbabile che; può darsi che, può essere che; è raro che; è utile / inutile che; vale la pena che.

3. After verbs that express desire, hope, permission, order: augurarsi, lasciare, permettere, sperare, volere

4. After indefinite adjectives and pronouns: qualunque cosa succeda non preoccuparti; chiunque sia, non voglio vederlo.

5. After the following verbs: pensare, credere, ritenere, temere, avere paura, sembrare, parere, avere l’impressione (and other expressions for opinion)

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Pinterest